L'incontro

Sono passate solo tre settimane dalla sconfitta contro la compagine piacentina, ma il coach Barbieri e i suoi assistenti, forti della loro esperienza precedente, sanno già quali sono i punti su cui lavorare per migliorare la resa in campo.
Dal lato dirigenziale, invece, lo staff deve fare degli autentici “numeri” per avere un campo sul quale giocare le partite di casa, cosa tutt’altro che facile, considerato l’elevatissimo numero di squadre di calcio che occupano i campi cittadini.
Organizzare una partita in casa, inoltre, richiede una fornitura di materiale specifico e una quantità di permessi non indifferente che inchiodano il Team Manager al telefono per diversi giorni, ma anche questa volta il tutto viene brillantemente risolto.
Per fortuna, il Comune di Casalbuttano concede alla squadra l’utilizzo di un campo da allenamento al limite delle dimensioni giocabili previste e con un’illuminazione appena sufficiente ma, come si suol dire, “quello passa il convento”.
La gara, dopo una lunga preparazione del terreno di gioco, assume toni incoraggianti, tanto che alla fine del terzo periodo di gioco il punteggio è di 18-18, mentre due leggerezze difensive nell’ultimo quarto portano il risultato finale a 28-18 per la squadra Gallaratese.
Purtroppo anche la decisione della Federazione di portare i minuti effettivi di gioco dai precedenti 40 a 48 minuti, si fa sentire a livello di preparazione atletica con conseguente crollo delle prestazioni sul finale di gara.

Casalbuttano

Galleria Match

Match Video

MVP

Migliori giocatori della settimana

Leave a Reply